Scienza

Benefici della Forest Therapy

Di seguito sono elencati i principali benefici dell'esposizione alla natura sulla salute umana. I benefici del contatto con la natura per il benessere e la salute generale sono ben documentati.

1. Migliora la salute e il benessere percepiti

La qualità della vita percepita, il benessere psicologico e la salute della popolazione sono positivamente correlati alla quantità di aree verdi (facilità di accesso) (De Vries et al., 2003; Maas et al., 2006; Sugiyama et al., 2008; Stigsdotter et al., 2010); la qualità degli spazi naturali (Van Dillen et al., 2012) e la frequenza delle visite (Lafortezza et al., 2009).

2. Contribuisce alla salute mentale

I benefici a breve termine per la salute mentale dell’esposizione a ambienti naturali, in questo caso, boschi e spazi verdi urbani, sono ben documentati. Influenza emozioni positive e riduzione dello stress soggettivo e delle emozioni negative: depressione, stanchezza, ansia generalizzata e incertezza (Meyer e Kotsch, 2017; O’Brien et al., 2014; Tyrväinen et al., 2014; Martens e Bauer, 2013; Morita et al., 2007; Bratman et al., 2015; Bowler et al., 2010; Townsend, 2006). Maggiore attività del sistema nervoso parasimpatico e minor attività del sistema nervoso simpatico rispetto agli ambienti urbani (Lee et al., 2014; Park et al., 2010). L’esposizione a spazi naturali influisce sulla riduzione dei livelli di cortisolo (Triguero-Mas et al., 2017). Effetto di ripristino dell’attenzione (Berman et al., 2008; Berto, 2005; Hartig et al., 2003; Laumann et al., 2003) e affaticamento mentale (Keniger et al., 2013).

3. Ha un effetto co-terapeutico

Le terapie assistite dalla natura (TAN) sono efficaci e adeguate come risorsa per la salute pubblica (Annerstedt e Währborg, 2011). Uno studio pionieristico condotto nel 1984 ha scoperto che i pazienti nelle camere con vista su un giardino si riprendevano più rapidamente dall’intervento chirurgico (Ulrich, 1984).

4. Rafforza il sistema immunitario

Le prove scientifiche e diverse linee di ricerca indicano associazioni tra la risposta immunitaria e l’esposizione alla natura, specificamente nei boschi: aumento della proporzione di cellule killer naturali (un tipo di globuli bianchi) (Li et al., 2006, 2007, 2008a, 2008b, 2009), proprietà anti-infiammatorie, neuroprotettive e antitumorali (Cho et al., 2017), presuntamente legate all’inalazione di monoterpeni e alla stimolazione del sistema immunitario, correlato all’inalazione di monoterpeni e a un aumento del numero e dell’attività delle cellule killer naturali (Cho et al., 2017).

5. Promuove l'interazione e la coesione sociale

I benefici per la salute dell’esposizione alla natura, in termini di coesione sociale, sono determinati dall’uso ricreativo del bosco e degli spazi verdi (Fan et al., 2011; Mitchell, 2013). Questo utilizzo promuove i contatti sociali, le attitudini prosociali, lo sviluppo di nuove relazioni, la partecipazione e il rafforzamento della capacità comunitaria, riducendo anche i rischi di problemi di salute mentale. A sua volta, la coesione è correlata alla salute generale e mentale (Dadvand et al., 2016; De Vries et al., 2013). Le esperienze condivise con gli altri possono essere una fonte importante di benefici derivanti dall’uso dei boschi (O’Brien e Morris, 2013).

6. Aiuta a mantenere la salute cardiovascolare

La presenza di vegetazione nelle aree residenziali riduce le malattie cardiache e coronariche, gli ictus, le emorragie cerebrali e l’ipertensione (Maas et al., 2009).

7. Riduce le tariffe di morbosità e mortalità

Per quanto riguarda la morbosità, uno studio pubblicato su Environmental Health Perspectives ha scoperto che la vicinanza a spazi verdi riduce il rischio nella popolazione di morire per cancro, malattie polmonari o epatiche. Un altro studio mostra che gli spazi verdi attenuano l’effetto dell’inquinamento atmosferico sulla pressione arteriosa e il diabete (Groenewegen et al., 2018). Una revisione approfondita di vari studi ha indicato che nelle aree residenziali con maggiore vegetazione, si riduce la mortalità per malattie cardiovascolari (Gascon et al., 2016).

8. Riduce sovrappeso e obesità

In uno studio condotto in varie città europee, è emerso che le caratteristiche oggettive dell’ambiente residenziale sono associate alla probabilità di essere fisicamente attivi e di non essere in sovrappeso o obesi (Ellaway et al., 2005). Un altro studio condotto in Spagna ha mostrato che i bambini che vivono in aree con più vegetazione avevano una prevalenza relativamente più bassa di sovrappeso e obesità, a causa di comportamenti meno associati a uno stile di vita sedentario (Dadvand et al., 2014).

Accedi a maggiori informazioni sui benefici del contatto con la natura sul nostro canale scientifico.​

Carrello
Torna in alto